ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
...resistere non invecchia!

L'ANPI di Bologna sulla situazione della scuola pubblica

E-mail Stampa PDF

manifestazione dell'OndaL’ANPI segue con viva preoccupazione questo travagliato inizio dell’anno scolastico sconvolto dai tagli alle classi, agli insegnanti e ai servizi imposti dalla “riforma” Gelmini e condivide la protesta che si alza dal mondo della scuola, da  docenti, genitori e studenti.

La scuola pubblica è lo strumento essenziale della democrazia e il tempo pieno nella scuola di base rappresenta un passo avanti nell’applicazione dell’articolo 3 della Costituzione Italiana.

La nostra associazione si sente coinvolta nel movimento che difende la scuola pubblica e che la pretende di qualità e rispondente alle domande della società contemporanea; e che si oppone alla cancellazione di quelle  (poche) riforme conquistate nello spirito del dettato costituzionale.

L’ANPI auspica che possano continuare i proficui rapporti collaborativi avviati con molte scuole bolognesi per far conoscere ai giovani la nostra Costituzione ed il contributo di Bologna all’Antifascismo e alla Resistenza.


La Presidenza dell'ANPI provinciale

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Settembre 2009 11:31
 

L'ANPI per la libertà di stampa

E-mail Stampa PDF

censuraL’ANPI Nazionale aderisce con appassionata convinzione alla manifestazione del 3 ottobre a Roma a favore della libertà di stampa. Viviamo un momento delicatissimo per la tenuta democratica del Paese ed è necessario che tutte le forze culturali, politiche e tutti coloro che si riconoscono nei valori della Costituzione si ritrovino uniti per dire un no deciso ai continui e inauditi attentati alla libertà mossi dal Presidente del Consiglio e dal suo Governo che dovrebbero invece tutelarla e garantirla nell’interesse generale della collettività.

L’ANPI, da più di sessant’anni custode e promotrice instancabile dei valori della Resistenza, da cui la Costituzione ha preso vita, continuerà ad essere sempre presente ogni qual volta la convivenza civile e i diritti - duramente conquistati dalla parte più consapevole del nostro popolo fino all’estremo
sacrificio - vengano disattesi.


LA PRESIDENZA E LA SEGRETERIA NAZIONALE

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Settembre 2009 11:43
 

Subito una conferenza internazionale di pace in Afghanistan

E-mail Stampa PDF

Dopo aver doverosamente espresso il cordoglio e la partecipazione al lutto per i militari italiani morti e feriti in Afghanistan, l’ANPI fa appello al Governo ed al Parlamento affinché l’Italia richieda alla comunità internazionale una riflessione urgente sul punto di allarmante difficoltà a cui è giunta dopo otto anni la missione militare internazionale in attuazione della decisione dell’ONU.

A parere dell’ANPI, urgono forti cambiamenti nell’azione militare per ottenere che sia posto termine innanzitutto all’esecrabile massacro di civili ed affinché ogni sforzo sia compiuto per una soluzione politica del sanguinoso e non più procrastinabile conflitto.

L’ANPI invita le associazioni territoriali e gli iscritti a promuovere e a cogliere ogni occasione per difendere e sostenere, anche attraverso iniziative unitarie, le proprie posizioni e ad operare affinché nel Paese, in Parlamento e con l’impegno del Governo si costruisca un forte ed ampio movimento di opinione a favore della convocazione di una Conferenza internazionale per la pace in Afghanistan, al fine di procedere al ritiro delle truppe internazionali.

Presidenza e Segreteria Nazionale ANPI

 

L'ANPI considera chiusa la vicenda Obrist

E-mail Stampa PDF

obrist e Waffen SSRoma, 18 settembre 2009


GIOVANNI PETRUCCI

e p.c.
Ing. ERNFRIED OBRIST


In riferimento alla ormai nota vicenda che ha visto il presidente dell’UITS Ernfried Obrist protagonista di atteggiamenti di consonanza con individui in divisa delle Waffen-SS e imbraccianti armi, l’ANPI Nazionale nel ribadire la gravità del gesto – che ha suscitato indignazione anche nel mondo sportivo e che è stato motivato da Obrist stesso con argomentazioni del tutto contraddittorie quindi insufficienti – conferma la richiesta di dimissioni del presidente UITS e saluta positivamente la notizia appresa dalla stampa degli accertamenti giudiziari avviati dalla Procura di Rimini, come richiesto dalla nostra Associazione.

L’ANPI, per quanto la riguarda, considera pertanto chiusa la vicenda.

L’Ufficio Stampa ANPI Nazionale

Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Settembre 2009 10:59
 

Protesta dell'ANPI provinciale di Bologna

E-mail Stampa PDF

obrist con figuranti Waffen SSL’ANPI provinciale di Bologna si associa alle proteste già espresse dal Comitato Nazionale dell’associazione con la lettera indirizzata al Presidente del Coni Giovanni Petrucci, ritenendo doveroso richiedere le dimissioni di Ernfried Obrist, presidente di una onorata società quale è l’Unione Italiana Tiro a Segno, ripreso fotograficamente lo scorso 25 aprile nei locali del tiro a segno di S. Arcangelo di Romagna (Rimini), in atteggiamento di evidente consonanza con alcuni individui che indossavano le divise della Waffen-SS.

Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Settembre 2009 11:17 Leggi tutto...
 


Pagina 86 di 91
<<  Novembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


“Uomini e donne di Bologna! Nel ricordo doloroso ma fiero dei nostri Caduti, nella coscienza dello sforzo immane onde la vita e il lavoro risorgono da tanti lutti e rovine, l'aureo simbolo del valore appuntato sul Gonfalone del Comune, sia a tutti monito di quanto la riscattata libertà costi al popolo, sia preciso impegno di difendere contro ogni oltraggio e contro ogni insidia il prestigio delle nostre libere popolari istituzioni repubblicane, sia a noi di auspicio e guida nel percorrere decisi ed uniti la via gloriosa delle civili feconde conquiste del lavoro, della scienza, delle arti, cui Bologna legò il proprio nome nei secoli”

Bologna, 24 novembre 1946, in occasione del conferimento della medaglia d'oro al valor militare alla città

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy