ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home PUBBLICAZIONI
pubblicazioni

La Resistenza senz'armi

E-mail Stampa PDF

resistenza senza armilotta di liberazione nazionale
LA RESISTENZA SENZ'ARMI

  • Autore: Renato Romagnoli (Italiano)
  • Anno: 2008
  • Editore: ANPI
Ultimo aggiornamento Giovedì 19 Marzo 2009 12:11
 

Riflessioni su due periodi storici

E-mail Stampa PDF
riflessioni su due periodi storiciRiflessioni
su due periodi storici
la Repubblica di Montefiorino, il dopoguerra, l'amnistia di Togliatti e il dopo...
  • Autore: Ermenegildo Bugni (Arno)
  • Anno: 2007
  • Editore: ANPI Bologna
Ultimo aggiornamento Martedì 10 Marzo 2009 16:31
 

A 60 anni dalla Costituente

E-mail Stampa PDF
a 60 anni dalla costituente
Ultimo aggiornamento Martedì 10 Marzo 2009 16:21
 

C'era una volta la Settima G.A.P

E-mail Stampa PDF
c'era una volta la settima GAP
il nome della Settima G.A.P. evoca volti, nomi, momenti ed episodi cari a tutti gli antifascisti: il sacrificio di Irma Bandiera, "Prima fra le donne bolognesi ad impugnare le armi per la lotta nel nome della libertà", l'audace liberazione dei prigionieri politici dal Carcere di San Giovanni in Monte, la battaglia di Porta Lame sono solo alcuni degli episodi che immediatamente tornano alla mente.
 
 
Autore: Renato Romagnoli "Italiano"

Un breve profilo di Renato Romagnoli, tratto da anpipianoro.it:

Iscritto al PCI dalla fine del 1943, fino al febbraio 1944, svolse attività politica. Partecipò all'insediamento di partigiani bolognesi nel Veneto nell'inverno 1943-44.


Rientrato a Bologna il 6/4/44, venne inserito in un gruppo gappista della 7a brg GAP Gianni Garibaldi. Fece parte del gruppo di 12 gappisti che il 9/8/44 compì l'ardimentosa azione che portò alla liberazione dei detenuti politici rinchiusi nel carcere di S. Giovanni in Monte (Bologna).

Partecipò alle battaglie di Porta Lame (7/11/44) e della Bolognina (15/11/44). Restò ferito in combattimento.

Fu nominato comandante del reparto di polizia partigiana. Riconosciuto partigiano dal 3/3/44 alla Liberazione. Gli è stata conferita la medaglia d'argento al valor militare con la seguente motivazione:

«Comandante della squadra di polizia di una brigata G.A.P. partecipava con solo undici compagni animati dalla stessa fede all'audace colpo di mano che ridava libertà a duecentoquaranta detenuti politici rinchiusi nelle carceri di S. Giovanni in Monte. A Porta Lame e alla Bolognina si distingueva per indomito valore sostenendo una fiera lotta contro preponderanti forze nazifasciste che appoggiate da dodici carri armati cercavano di sgominare e catturare i partigiani rifugiati fra le macerie delle case distrutte dai bombardamenti aerei. Dopo un'epica difesa, piuttosto che cadere nelle mani del nemico, arditamente balzava fuori dal rifugio e abbattuti col preciso fuoco del suo mitra due soldati tedeschi accorsi per sbarrargli il passo, dava la possibilità ai compagni di sfuggire all'accerchiamento e di portare in salvo i partigiani feriti. Mirabile esempio di audacia, altruismo e sprezzo del pericolo»
Ultimo aggiornamento Martedì 10 Marzo 2009 16:07
 

Resistenza n. 1 anno 2007

E-mail Stampa PDF

numero di Aprile 2007 della rivista, organo dell’ANPI Provinciale di Bologna - Anno V - Numero 1

Ultimo aggiornamento Venerdì 13 Febbraio 2009 08:59 Leggi tutto...
 


Pagina 6 di 7
<<  Dicembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  9
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


Qui ho trovato ciò che desideravo per formare la mia coscienza politica. Aureliano Galeazzo "Michel"

(studente liceale, nato nel 1928, morto a 16 anni, partigiano, medaglia d'oro al valor militare)

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy