ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home dimenticare mai
dimenticare mai

73° anniversario Porta Lame e Bolognina

E-mail Stampa PDF

7

Ultimo aggiornamento Venerdì 03 Novembre 2017 18:35
 

L'ANPI di Bologna incontra Laura Boldrini

E-mail Stampa PDF

Domenica 8 ottobre, nell'ambito dell'iniziativa Montecitorio a porte aperte con cui la presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini invita i cittadini italiani a visitare la sede di una della maggiori istituzioni della nostra Repubblica, la presidente ha voluto dedicare un momento di ricordo alla partigiana bolognese Irma Bandiera, medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Una folta delegazione dell'ANPI di Bologna ha incontrato la presidente Boldrini nella Sala della regina a Palazzo Montecitorio per ascoltare gli interventi della presidente Boldrini, dello scrittore Pino Cacucci, della nipote di Irma Bandiera Lia Marchesini, del sindaco di Bologna Virginio Merola, della presidente dell'ANPI di Bologna Anna Cocchi, e le letture dedicate a Irma che Piera Degli Esposti ha voluto regalare al pubblico.







Ultimo aggiornamento Giovedì 12 Ottobre 2017 07:33
 

2 agosto 1980-2 agosto 2017

E-mail Stampa PDF

Come ogni anno l'ANPI di Bologna partecipa alla commemorazione delle vittime della strage del 2 agosto 1980.
Ci ritroviamo per il corteo dietro il nostro medagliere e il nostro striscione alle 9.15 in Piazza Nettuno.


Qui il programma completo promosso dall'Associazione Familiari Vittime della Strage del 2 Agosto e dal Comitato di Solidarietà alle Vittime delle Stragi: programma

Ultimo aggiornamento Venerdì 28 Luglio 2017 08:24
 

74° anniversario della caduta del fascismo

E-mail Stampa PDF

L'Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti e il Comitato provinciale della Resistenza e della lotta di Liberazione di Bologna vi invitano a celebrare il 74° anniversario della caduta del fascismo.


Martedì 25 luglio 2017, ore 9.30, presso il Giardino Perseguitati antifascisti, in viale Ghandi (ingresso nord della Certosa); interventi di Lorenzo Cipriani, presidente del Quartiere Porto-Saragozza e di Massimo Meliconi, presidente ANPPIA Bologna; deposizione di una corona.

Ore 11, presso la lapide a ricordo dell'aggressione fascista al Consiglio comunale del 1920, cortile d'onore di Palazzo d'Accursio, piazza Maggiore 6; interventi di Marilena Pillati, vicesindaco di Bologna e di Simona Salustri del direttivo ANPPIA Bologna; deposizione di corone alla lapide e al Sacrario dei caduti partigiani.


Scarica il volantino


Alcune immagini della commemorazione a Palazzo d'Accursio

alt

alt

Ultimo aggiornamento Martedì 25 Luglio 2017 15:30
 

Pastasciutta Antifascista 2017

E-mail Stampa PDF





Come ogni anno le sezioni ANPI del territorio di Bologna festeggiano l'anniversario della caduta del fascismo con la pastasciutta antifascista, ricordando quanto fece la famiglia Cervi a Campegine il 25 luglio 1943.




Gli appuntamenti del 2017 sono:

- Bologna 23 luglio, ore 18, presso il Centro sociale La Pace, in via del Pratello 53, con le sezioni ANPI Pratello, Porto e Saragozza

- Bologna 23 luglio, ore 20, presso il Circolo ARCI Benassi, in viale Cavina 4, con le sezioni ANPI Savena e San Vitale

- Sasso Marconi 25 luglio, dalle ore 17.30 presso il Borgo di Colle Ameno, con le sezioni ANPI di Sasso Marconi, Monzuno, Marzabotto, Casalecchio

- Medicina 25 luglio, ore 19, presso Parco delle Mondine, con la sezione ANPI di Medicina

- Bologna 25 luglio, ore 20, presso il Centro sociale Italicus, in via Sacco 16, con la sezione ANPI San Donato

- Crevalcore 25 luglio, ore 20, in piazza Malpighi, con le sezioni ANPI di Terre d'Acqua


Scaricate le locandine con i dettagli dal box calendario





Ultimo aggiornamento Mercoledì 19 Luglio 2017 07:02
 

Editoriale - Resistenza e Nuove Resistenze 2/2017

E-mail Stampa PDF

bandiera ANPI tricolore con stellaIl 25 aprile è il giorno del secondo Risorgimento italiano. E’ il giorno in cui si festeggia l’abbattimento di una dittatura fascista sanguinaria, guerrafondaia e affossatrice di ogni principio di eguaglianza sociale, durata un quarto di secolo. Nell’anno 1945, all’alba del 21 aprile, gli eserciti Alleati, di cui facevano parte pure italiani accorpati in Gruppi di combattimento, entrarono in Bologna; una città già occupata dai partigiani, nella quale per loro merito tutti i servizi indispensabili e necessari alla vita della città erano funzionanti ed efficienti. Il CLN aveva già provveduto alla nomina del Prefetto, del Sindaco e dei diversi responsabili negli organi burocratici. Le genti, uscite dalle proprie abitazioni, occupavano le strade e piazza Maggiore, inneggiando e festeggiando i liberatori, pervase dalla gioia che solo la fine di un incubo può dare. Gli Alleati dettero ufficialmente merito al CLN per avere trovato la città – pur piena di macerie – nelle condizioni accennate.

Leggi tutto...
 

No al faro Mussolini

E-mail Stampa PDF

Segnaliamo questa intervista alla presidente dell'ANPI provinciale di Bologna e coordinatrice dell'ANPI regionale Emilia-Romagna, Anna Cocchi, sulla questione dell'accensione del faro Mussolini alla Rocca delle Caminate, pubblicata nei giorni scorsi sul quotidiano La Stampa e ripresa dall'ANPI nazionale.

Il pericolo è quello di attirare nella zona ulteriori "pellegrinaggi" di stampo fascista che andrebbero ad aggiungersi alle deprecabili iniziative già diffuse a Predappio e dintorni, in occasione di date e in luoghi significativi per i fascisti.

A questo link potete scaricare l'articolo de La Stampa.

http://www.anpi.it/articoli/1700/la-coordinatrice-anpi-emilia-romagna-il-faro-che-domina-predappio-rievoca-mussolini-non-deve-essere-riacceso


Pubblichiamo anche un appello della Fondazione Lewin di Forlì sulla stessa questione.

Segreteria ANPI Provinciale Bologna


Appello della Fondazione Alfred Lewin.

Non accendiamo quel faro.
Quel faro è un monumento al duce, serviva solo ad annunciare la sua presenza in Romagna ed è indissolubilmente legato al suo nome.

Perché accenderlo? Cosa risponderemo quando ce lo chiederà il turista tedesco affezionato alle nostre coste, che viene da una terra in cui hanno eretto monumenti alle proprie colpe? E cosa diremo quando lo chiederanno i nostri ragazzi, che accompagniamo ad Auschwitz o nella via di Forlì dove fu compiuta la strage degli ebrei? Perché il faro di Mussolini è acceso? Gli diremo che si vogliono attirare turisti? Per far vedere loro "i prodotti della storia", come recita un depliant diffuso da un gruppo di ristoratori di Predappio? Gli diremo: "Sì, sì, la memoria, ma qui si tratta di economia”?

Si vuol mettere a profitto il fatto di aver dato i natali al fondatore del fascismo? Quei depliant forniscono già la mappa dei “prodotti della storia”, dalla cripta di Mussolini con le sue pareti di ex-voto di camerati, alle architetture razionaliste, alla casa natale del duce dove poter vedere mostre come quella sulla “campagna del grano”. E a quel punto, perché non fare una visita al megastore fascista in cui si possono vedere dal vivo gli squadristi che si salutano con "a noi"?
È una fiera permanente del Ventennio quella che si vuole allestire un pezzo alla volta? E allora, sì, quale migliore pubblicità di un faro che spinga la sua curiosa luce lungo tutta la riviera. E il museo sul fascismo che si sta progettando potrà evitare di diventare un padiglione di tale fiera?

No, non accendiamo quel faro.
Non profaniamo il luogo in cui Antonio Carini, uno dei massimi dirigenti della Resistenza italiana, catturato dai fascisti, fu torturato con una ferocia forse senza pari nell'Italia di quegli anni, per poi essere scaraventato da un ponte sul greto del fiume e sfigurato a colpi di pietra.
Non vendiamo l'onore di una terra che dal Risorgimento in poi si è coperta di gloria associando indissolubilmente il suo paesaggio e la sua storia al nome di Mussolini.
Non facciamo di Forlì e delle sue vallate un posto di cui vergognarsi in un'Europa che sul riconoscimento delle proprie colpe ha costruito le sue democrazie e sta cercando di costruire la sua unità.

No, non accendiamo il faro del dittatore.


Ultimo aggiornamento Mercoledì 08 Marzo 2017 10:35
 


Pagina 1 di 11
<<  Novembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


Viviamo nella più cameratesca delle amicizie, legati da una sicura fede nel domani e dall'orgoglio di sentirci tanto diversi dagli altri. Giampaolo Grosso "Paolo"

(studente universitario, nato nel 1920, morto a 24 anni, partigiano e commissario politico)

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy