ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home difendiamo la Costituzione L'ANPI al teatro comunale di Bologna: votiamo NO per contare di più

L'ANPI al teatro comunale di Bologna: votiamo NO per contare di più

E-mail Stampa PDF

L'iniziativa per il NO al referendum di ieri sera al teatro comunale di Bologna, a cui ha partecipato il presidente nazionale dell'ANPI Carlo Smuraglia, è stata un vero successo.

L'ANPI di Bologna aveva riservato solo la platea del teatro, ma avremmo potuto osare di più e chiedere anche i palchi, vista la grande risposta dei cittadini di Bologna e dell'Emilia- Romagna, iscritti all'ANPI e non: la platea era piena e c'erano persone in piedi.

Un bel segnale per il fronte del NO in vista del voto del 4 dicembre e un chiaro messaggio di stima verso l'ANPI, verso il suo presidente, che ancora prima di parlare ha ricevuto una standing ovation, e verso la campagna che l'Associazione sta portando avanti.

Grazie agli altri relatori che si sono alternati sul palco (Fabrizio Tonello, Umberto Romagnoli, Vincenzo Colla, Ivano Marescotti), a Monica Minnozzi per la conduzione, ai musicisti e cantanti che hanno allietato la serata e a tutti coloro che sono venuti a teatro per trascorrere una sera con l'ANPI.

Diamo a tutti appuntamento a Roma il pomeriggio del 25 novembre al teatro Brancaccio per chiudere la campagna referendaria.

ANPI Provinciale Bologna


Ultimo aggiornamento Martedì 15 Novembre 2016 17:17  

nessun contenuto correlato a questo argomento


<<  Giugno 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
192021232425
2627282930  

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


mi ricordo di essere caduta almeno due o tre volte il giorno della Liberazione. Era l’emozione? Fu una cosa talmente... io non so come descriverla perché fu una gioia così grande il pensare che la guerra era finita e che i tedeschi erano partiti, che i fascisti erano sconfitti, fu una cosa enorme. Tutto questo popolo di gente, io non capivo più niente, correvo dalle Due Torri a Piazza Maggiore.La gente cominciava a portare i santini, le fotografie e li attaccavano lì al muro del Palazzo del Comune. Fu una roba! E poi chi piangeva, perché la gioia fa anche piangere e poi molti non c’erano più. Diana Sabbi, Medaglia d’argento al valor militare

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy