ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home difendiamo la Costituzione Votiamo NO per contare di più

Votiamo NO per contare di più

E-mail Stampa PDF


Lunedì 14 novembre a partire dalle ore 20 al teatro Comunale di Bologna, serata dibattito dedicata alle ragioni del NO alle modifiche costituzionali con

Carlo Smuraglia, presidente dell'ANPI

e con

Lorenza Carlassare, giurista e costituzionalista

Vincenzo Colla, segretario generale CGIL Emilia-Romagna

Ivano Marescotti, attore

Umberto Romagnoli, presidente del Comitato del NO "Alessandro Baldini" di Bologna Città metropolitana

Nadia Urbinati, presidente di Libertà e Giustizia


Interventi musicali degli interpreti del Rigoletto

Scarica il volantino pdf               Scarica il volantino jpg

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Novembre 2016 11:08  

nessun contenuto correlato a questo argomento


<<  Giugno 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
192021232425
2627282930  

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col timore dell'intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l'ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti. Primo Levi

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy