ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home comunicati stampa Scomparsa del partigiano Tito Grazia

Scomparsa del partigiano Tito Grazia

E-mail Stampa PDF



Bologna, 17 novembre 2017


L'ANPI provinciale di Bologna si unisce al cordoglio della sezione ANPI Toffano-Soldati del Quartiere Savena che piange la morte del suo presidente Tito Grazia. Partigiano del battaglione Busi della 1ª Brigata Irma Bandiera Garibaldi, Tito, nome di battaglia Corsaro, è stato riconosciuto con il grado di sottotenente.

All’alba del 21 aprile 1945, giorno della liberazione di Bologna, fu tra i partigiani che accolsero il II Corpo d’Armata polacco a Porta Mazzini conducendolo in centro città.

All’interno della sezione ANPI Savena, di cui era presidente da lungo tempo, è stato sempre un punto di riferimento per giovani e meno giovani portando avanti i valori della Resistenza con la coerenza che gli era propria. Combattente fino alla fine, la sua passione civile e politica lo ha portato a non lesinare mai la sua attività per gli altri, nelle scuole, nel volontariato e dovunque vi fossero da diffondere e difendere gli ideali della Lotta di Liberazione.



Chi volesse portare un ultimo saluto a Tito potrà farlo presso il Centro sociale Lunetta Gamberini lunedì 20 novembre dalle ore 13.30 alle ore 15.30.

Ultimo aggiornamento Venerdì 17 Novembre 2017 11:32  

nessun contenuto correlato a questo argomento


<<  Dicembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  9
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


“Uomini e donne di Bologna! Nel ricordo doloroso ma fiero dei nostri Caduti, nella coscienza dello sforzo immane onde la vita e il lavoro risorgono da tanti lutti e rovine, l'aureo simbolo del valore appuntato sul Gonfalone del Comune, sia a tutti monito di quanto la riscattata libertà costi al popolo, sia preciso impegno di difendere contro ogni oltraggio e contro ogni insidia il prestigio delle nostre libere popolari istituzioni repubblicane, sia a noi di auspicio e guida nel percorrere decisi ed uniti la via gloriosa delle civili feconde conquiste del lavoro, della scienza, delle arti, cui Bologna legò il proprio nome nei secoli”

Bologna, 24 novembre 1946, in occasione del conferimento della medaglia d'oro al valor militare alla città

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy