ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home comunicati stampa Comunicato stampa

Comunicato stampa

E-mail Stampa PDF

Bologna, 14 ottobre 2016

Comunicato

Questa notte sono stati imbrattati, con scritte contro Renzi, i muri di una serie di immobili cittadini.

Questo fenomeno del deturpamento di edifici, in molti casi di pregio e di valore artistico e storico, è un malcostume che l’ANPI ha sempre condannato.

Non si tratta di espressioni di libertà artistica o politica o di affermazione di istanze sociali. Siamo di fronte a manifestazioni di pura e semplice stupidità e di nichilismo politico oltreché di evidente inciviltà. Una considerazione particolare merita quest’ultimo episodio; quello appunto che ha come obiettivo il Presidente del Consiglio.

L’ANPI è impegnata in un confronto franco, democratico e senza tentennamenti, sulla questione del referendum costituzionale. E’ per questo che non solo non condivide, ma condanna decisamente certe forme di pseudo lotta politica.

Così come non condivide le posizioni della destra che, nel confronto referendario, punta solo alla cacciata di Renzi.

Sono anche queste posizioni che danno spago a certi politici notturni armati di spray. Noi condividiamo l’auspicio del presidente Mattarella, il dibattito deve rimanere a livello alto e il confronto entro precisi confini civili.

La Presidenza e la Segreteria dell’ANPI provinciale

Ultimo aggiornamento Domenica 16 Ottobre 2016 05:37  

nessun contenuto correlato a questo argomento


<<  Maggio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


“Uomini e donne di Bologna! Nel ricordo doloroso ma fiero dei nostri Caduti, nella coscienza dello sforzo immane onde la vita e il lavoro risorgono da tanti lutti e rovine, l'aureo simbolo del valore appuntato sul Gonfalone del Comune, sia a tutti monito di quanto la riscattata libertà costi al popolo, sia preciso impegno di difendere contro ogni oltraggio e contro ogni insidia il prestigio delle nostre libere popolari istituzioni repubblicane, sia a noi di auspicio e guida nel percorrere decisi ed uniti la via gloriosa delle civili feconde conquiste del lavoro, della scienza, delle arti, cui Bologna legò il proprio nome nei secoli”

Bologna, 24 novembre 1946, in occasione del conferimento della medaglia d'oro al valor militare alla città

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy