ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Resistenza e Nuove Resistenze Resistenza e Nuove Resistenze n. 1 anno 2017

Resistenza e Nuove Resistenze n. 1 anno 2017 Scarica

Descrizione:

In questo numero:

  • 2 - Il ruolo dell’ANPI dopo il referendum del 4 dicembre
  • 3 - Editoriale
  • 4 - La Memoria come pratica di cittadinanza attiva
  • 6 - Editoria e letteratura per ragazzi sulla Resistenza
  • 9 - Attualità dell’antifascismo
  • 12 - Elezioni USA: alcune cause ed effetti del voto
  • 13 - Il lungo secolo breve di Mario Anderlini
  • 16 - Riflessioni sull’unico Sindaco fascista di Bologna
  • 19 - Giorno della memoria: mio padre Leone Pancaldi, internato militare
  • 21 - Giuseppe Dossetti la straordinaria attualità del suo pensiero a vent’anni dalla scomparsa
  • 23 - Discorso pronunciato dalla presidente dell’ANPI provinciale Anna Cocchi alla commemorazione del 72° anniversario della strage di Sabbiuno di Paderno
  • 25 - Intitolata a Tonino Pirini la sezione ANPI di Ozzano
  • 25 - Pranzo sociale dell’ANPI di Medicina con Adelmo Cervi
  • 25 - Frequenze partigiane: l’antifascismo va in onda!
  • 26 - La commemorazione dei Caduti di Casteldebole attraverso gli occhi di un ragazzo
  • 27 - Lamemoria, progetto sulla Resistenza nel Quartiere Navile
  • 27 - Medaglie ai partigiani per il 70° della Liberazione
Inviato da:
Administrator (admin)
Inviato il
22 Feb 2017
Dimensioni del file:
1,239.53 Kb
Scaricati:
76
Autore del file:
redazione
Data del file:
22 Feb 2017
<<  Novembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col timore dell'intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l'ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti. Primo Levi

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy