ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home ATTUALITA' comunicati stampa
comunicati stampa

Appello dell'ANPI per il 25 aprile

E-mail Stampa PDF

APPELLO DELL’ANPI PER IL 25 APRILE


Il 25 aprile è la festa di tutte le italiane e gli italiani. Delle loro radici e del loro futuro.

Ricordiamo i combattenti per la libertà, i loro sogni di democrazia, uguaglianza e felicità, il

portare avanti con coraggio e tenacia la loro speranza di un Paese civile, giusto, solidale.

Festeggiamo la Costituzione nel 70° anniversario della sua approvazione.

Quello straordinario lavoro di concordia e responsabilità che condusse alla scrittura delle regole e

della sostanza democratica della vita collettiva. Principi e valori realizzati solo in parte se

guardiamo alla situazione complessiva dell’Italia dove un diritto elementare, come quello al

lavoro, in particolare per i giovani, è disatteso, dove l’attuale modo di far politica per lo più

allontana, invece di stimolare e promuovere la partecipazione popolare, dove l’orizzonte

antifascista non è ancora pienamente patrimonio dello Stato in ogni sua espressione.

Dobbiamo essere uniti e tanti. A trasmetterci la voglia di essere parte attiva

dell’irrimandabile processo di attuazione integrale della Costituzione, di contrasto ai troppi

neofascismi che impazzano nelle strade e per il web illudendo una parte delle giovani

generazioni, di costruzione di una diffusa e forte cultura del dialogo, della solidarietà, della pace.

Dobbiamo darci appuntamento per tutti i giorni a venire.

Il 25 aprile rappresenti un impegno quotidiano a sentirci una comunità in marcia verso

una democrazia realizzata fino in fondo.

Con l’entusiasmo e le capacità di ognuno.

 

Buona Liberazione.

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Aprile 2017 09:25
 

72° Anniversario della Liberazione

E-mail Stampa PDF

21-25 APRILE  2017

72° ANNIVERSARIO
DELLA LIBERAZIONE

Programma da scaricare

VENERDÌ  21 APRILE • LIBERAZIONE  DI BOLOGNA
•   PIAZZA NETTUNO
ORE 10 - Suono a festa della  campana  dell'Arengo
Deposizione  di  una corona alla  lapide  in  ricordo  dei Gruppi  di  Combattimento dell'Esercito    Italiano
•   PORTA MAGGIORE (PORTA MAZZINI)
ORE 10.45 - Deposizione  di  una corona alla  lapide  che ricorda  l'ingresso   dei
Polacchi in Bologna il 21 aprile  1945
•   VIA PORTANOVA  ANGOLO  PIAZZA MALPIGHI
ORE 11-  Inaugurazione    del  ripristino   della  lapide  in  memoria  di
Giorgio Maccaferri a cura dell'Ordine   degli  Avvocati  di  Bologna
•   PIAZZA NETTUNO
ORE 17- 18.30 - Sacrario dei  Caduti  Partigiani
"Parole  dalla Resistenza" Lettura collettiva  di "Diario  Partigiano" di  Ada Gobetti in  collaborazione   con le Associazioni  "Ombre sulla  Repubblica"  e "Prendi  Parte"

SABATO 22 APRILE
•   VIA GORKI 10
ORE 11 - Intitolazione Centro Civico  Corticella a Lino  "William" Michelini
Saranno presenti il  Sindaco di Bologna Virginio Merola e il Presidente dell'Anpi Nazionale Carlo Smuraglia

LUNEDÌ 24 APRILE
•     ORE 20- Fiaccolata  sui  luoghi  della  Resistenza  condivisa  con l'associazione "PrendiParte" con partenza da Via  Broccaindosso, arrivo in Piazza Nettuno al Sacrario dei Caduti

MARTEDÌ 25 APRILE - FESTA DELLA LIBERAZIONE
•   CHIOSTRO DELLA BASILICA DI SANTO STEFANO
ORE 9.45 - Deposizione   di una corona alle  lapidi dei Caduti in  guerra
•   PIAZZA NETTUNO
ORE 10.30 - Celebrazione  solenne
Alzabandiera  con picchetto  Militare d'Onore  e deposizione  di corone al  Sacrario dei  Caduti Partigiani   e alla  lapide  ANEI
Saluti  della presidente dell'ANPI  Provinciale   di Bologna  Anna Cocchi e del Sindaco di Bologna  Virginio Merola
Intervento della Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini

•   GIARDINO  DI VILLA CASSARINI - PORTA SARAGOZZA
ORE 12.00 - Deposizione   di  una corona alla  lapide  in  ricordo delle  vittime omosessuali    nei  campi di  sterminio   nazisti
•   PIAZZA MAGGIORE
ORE 16.30 - 18.30  - Gran Ballo della Liberazione in  collaborazione con le Associazioni di ballo  tradizionale   bolognese
ORE 18 - Cerimonia dell'ammainabandiera

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Aprile 2017 09:16
 

Comunicato

E-mail Stampa PDF

Bologna, 22 marzo 2017


Comunicato ANPI provinciale di Bologna


In merito alle notizie di questi giorni riguardanti l’eventuale presenza di un banchetto anti-vaccini alla festa Pratello R’Esiste, l’ANPI Provinciale di Bologna si dissocia completamente dalle dichiarazioni di chi vuole accostare la gloriosa storia della Resistenza e della Lotta di Liberazione Nazionale con le posizioni antivacciniste.

Si dissocia altresì dalla presenza stessa di questo banchetto che si ritiene nulla abbia a che fare con lo spirito e le radici storiche e valoriali della Festa della Liberazione.

Si auspica una decisione del Comitato Organizzatore coerentemente alle ottime scelte fatte in tutti questi anni da parte del Pratello R’Esiste, scelte che hanno reso la Festa un appuntamento importante per la città.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 26 Aprile 2017 20:46
 

Il Presidente Smuraglia sulla vicenda Puppato

E-mail Stampa PDF

L'ANPI non ha cacciato, non caccia e non caccerà nessuno che dissenta dalla linea approvata in materia referendaria (favorevole al NO).

Il documento del Comitato Nazionale del 24 maggio u.s. dice chiaramente che il dissenso è libero, che nessuno sarà punito per il fatto di avere un'opinione diversa da quella espressa dall'Associazione; peraltro si raccomanda vivamente di non compiere atti palesemente contrari alla linea. Una raccomandazione, dunque, che dovrebbe essere intesa sulla base della correttezza e della ragionevolezza. Tant'è che la campagna referendaria è in corso da mesi e nulla è accaduto da nessuna parte.

A prescindere dalle concrete modalità con cui si è svolta la vicenda “Puppato” (forse si farebbe bene a cercare un chiarimento con gli organismi competenti, anziché sollevare subito un caso sulla stampa), sta di fatto che un parlamentare è pacificamente libero di fare campagna per il SÌ, anche se iscritto all'ANPI. Deve solo evitare di esibirlo ed agire e fare la sua propaganda come parlamentare e come – eventualmente – membro del PD.

Non credo sia chiedere troppo; e per risolvere ogni problema dovrebbe bastare il senso di appartenenza e di fratellanza che unisce tutti gli aderenti alla nostra Associazione. In ogni caso, finiamola una buona volta con questa storia dei cacciati, esclusi, espulsi, ecc, che semplicemente non esiste se non a livello di provocazione.

L'ANPI sta rigorosamente aderendo al documento del 24 maggio, che qui si riporta nel punto essenziale più volte richiamato: “Abbiamo sempre affermato che la nostra è un'Associazione pluralista, per cui è normale anche avere opinioni diverse. Altra cosa, però, sono i comportamenti. Ovviamente, non sarà “punito” nessuno per aver disobbedito, ma è lecito chiedere, pretendere, comportamenti che non danneggino l'ANPI e che cerchino di conciliare il dovere di rispettare le decisioni, con la libertà di opinione”.

Carlo Smuraglia

Presidente Nazionale ANPI

Milano, 11 novembre 2016


Qui il link all'intervista rilasciata dal presidente Smuraglia a Il Fatto Quotidiano:

ilfattoquotidiano.it/2016/11/11/referendum-smuraglia-dopo-il-caso-della-tessera-anpi-non-rinnovata-a-puppato-tempesta-in-un-bicchier-dacqua/3186022/

Ultimo aggiornamento Domenica 13 Novembre 2016 14:02
 

Comunicato stampa della Segreteria Nazionale ANPI sui fatti di Latina

E-mail Stampa PDF

Pubblichiamo il comunicato stampa della Segreteria Nazionale ANPI che l'ANPI Provinciale di Bologna condivide pienamente.


Premesso che, ancora una volta, una certa stampa ed alcuni esponenti politici sono pronti ad occuparsi dell'ANPI (anzi, addirittura a scoprirne l'esistenza) solo quando insorgono problemi e si presentano occasioni per criticarla, la vicenda di Latina merita una netta presa di posizione da parte di questa Segreteria.

Stiamo facendo migliaia di manifestazioni in tutta Italia per il NO, abbiamo sempre ribadito che il nostro unico obiettivo è quello di impedire uno stravolgimento della Costituzione e che la campagna referendaria deve essere civile e ordinata. E in effetti l'ANPI la sta affrontando con le sue bandiere e la sua autonomia, fermi restando i rapporti di collaborazione con il comitato per il No e con alcune associazioni particolarmente vicine, come CGIL, ARCI, Libertà e Giustizia, ecc.

Deploriamo, dunque, che a Latina vi sia stato qualcuno che ha battuto una strada diversa, sia per dichiarazioni sbagliate e improvvide, sia per la presenza stessa ad un presidio che confligge con l'impostazione nazionale dell'ANPI tesa all'informazione e al dialogo civile sul merito; e deploriamo ancora di più che la nostra gloriosa bandiera si sia trovata esposta a contiguità e vicinanze assolutamente insopportabili e improponibili. Non è questa la nostra linea, a cui – del resto – si sta attenendo tutta l'ANPI nel suo complesso.

La nostra Associazione, a livello provinciale, si è già nettamente dissociata. Dissociazione che l'ANPI Nazionale condivide in modo fermo e assoluto.

Provvederà il Comitato provinciale di Latina ad accertare, anche attraverso una discussione approfondita, come siano andate realmente le cose. Sarà l'occasione non solo per adottare o proporre agli organismi nazionali le misure necessarie ma anche per ribadire che la linea dell'ANPI è e deve restare quella già tracciata, come sopra indicata, senza eccezioni o deviazioni di sorta.


LA SEGRETERIA NAZIONALE ANPI


Roma, 9 novembre 2016

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Novembre 2016 21:17
 


Pagina 1 di 39
<<  Aprile 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
1718

#boccialariforma @ YouTube

Banner

ANPI Bologna @ instagram!


Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


Vogliamo ribadire le nostre conquiste: la dignità dell’essere umano contro la barbarie, l’onestà morale, la libertà per tutti. Perché noi partigiani abbiamo combattuto per chi c’era, per chi non c’era e anche per chi era contro. Arrigo Boldrini "Bulow"

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy