ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home antifascismo oggi Basta con i fascismi: le iniziative a Bologna e provincia

Basta con i fascismi: le iniziative a Bologna e provincia

E-mail Stampa PDF

In occasione della Giornata Antifascista del 27 maggio le sezioni ANPI di Bologna e provincia organizzano:


27 maggio, Bologna, via Azzogardino-piazzetta Pasolini, ore 10-14: punto informativo dell'ANPI provinciale di Bologna presso il Mercato ritrovato, piazza della Cineteca di Bologna; volantinaggio nei giardini adiacenti la Cineteca, teatro della battaglia di Porta Lame; in occasione della Giornata Antifascista è stato lanciato un appello a raccogliere e a portare all'ANPI provinciale fotografie di scritte fasciste sui muri di Bologna. Per informazioni vedere la pagina Facebook dell'ANPI provinciale.

L'ANPI provinciale aderisce alla manifestazione Bologna accoglie. Alle 14:30 concentramento in piazza XX Settembre e corteo verso piazza Nettuno per posare fiori al sacrario dei caduti partigiani.


27 maggio, Bologna, Centro storico: itinerario su alcuni luoghi della Resistenza in città con le sezioni ANPI Porto, Pratello e Saragozza. Partenza da piazza Malpighi angolo via Portanova alle ore 11 e conclusione al liceo Minghetti per un incontro con studenti e studentesse.


27 maggio, Medicina, piazza Garibaldi, ore 10.30-11.30: presidio a cura della sezione ANPI Medicina con posa di una corona alla lapide di Licurgo Fava, letture da lettere di condannati a morte della Resistenza.


27 maggio, Ozzano dell'Emilia, Sala Città di Claterna, piazza Allende, ore 10: Per uno stato pienamente antifascista, incontro con Federico Chiaricati, storico, esperto di neofascismo promosso dalla sezione ANPI di Ozzano.


27 maggio, San Lazzaro di Savena, piazza Bracci, ore 9-12: banchetto dell'ANPI di San Lazzaro in collaborazione con le sezioni di Terre di pianura (Granarolo, Budrio, Castenaso) presso il mercato.
.

27 maggio, Anzola, piazza Berlinguer, ore 10-12: banchetto informativo dell'ANPI di Anzola.


28 maggio, Bologna, Giardino Brigata Partigiana Maiella via Marx angolo via Barbacci e Centro sociale La Dacia via Lincoln 22/3 a partire dalle 16.30: la sezione ANPI Savena organizza un pomeriggio al parco, presso il monumento dedicato alla Brigata Maiella recentemente oltraggiato con scritte fasciste. Deposizione di una corona, canti partigiani con la voce e la fisarmonica di Salvatore Panu, distribuzione di materiali informativi, rinfresco, incontro con l'esperto di neofascismo Jacopo Frey e presentazione a cura di Dawit Solomon de La galassia nera su Facebook realizzata da ANPI e Patria Indipendente.


Inoltre a Bologna presso la Biblioteca Borges, via dello Scalo 21/3, dal 26 maggio al 9 giugno è allestita la mostra Il gioco della pace, realizzata dagli studenti e dalle studentesse dell'Istituto Aldrovandi-Rubbiani e promossa da ANPI, Associazione Rose Rosse, Dentro al Nido, Donne di Sasso, Donne in Nero, Gruppo 98 Poesia, Libera, Trekking Italia, UDI. La mostra osserverà il seguente orario: lun. 14-19, mar.-ven. 8.30-19, sab. 8.30-18.

Ultimo aggiornamento Venerdì 26 Maggio 2017 13:25  

nessun contenuto correlato a questo argomento


<<  Ottobre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col timore dell'intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l'ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti. Primo Levi

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy