ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home ANPPIA
ANPPIA

Cos'è l'ANPPIA

E-mail Stampa PDF
L'ANPPIA è l'associazione unitaria che raccoglie i perseguitati politici antifascisti italiani, tutti coloro cioè che per la loro opposizione al fascismo scontarono duri anni di confino e di carcere.
L'Associazione raccoglie altresì tutti coloro che nel ventennio operarono contro la dittatura fascista.
Leggi tutto...
 

Lo Statuto

E-mail Stampa PDF

Art. 1 - COSTITUZIONE E CARATTERE DELL’ANPPIA

È costituita una Associazione tra i cittadini italiani perseguitati dal fascismo con la denominazione: Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti (ANPPIA).

Essa ha carattere democratico repubblicano ed è indipendente dai partiti politici.

Leggi tutto...
 

l'organizzazione

E-mail Stampa PDF

COMITATO PROVINCIALE DI BOLOGNA

Componenti: Paolo Baffè, Massimo Meliconi, Simona Salustri, Renato Sasdelli, Gabriella Zocca

Segretario:  Massimo Meliconi

Vicesegretario: Paolo Baffè


Collegio dei revisori: Paolo Bassi (presidente), Lidia Biferale, Roberta Mira


Ultimo aggiornamento Venerdì 31 Luglio 2015 09:23
 


<<  Giugno 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
192021232425
2627282930  

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col timore dell'intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l'ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti. Primo Levi

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy